sabato 9 dicembre 2017

RISOTTO ALLA ZUCCA CON CREMA DI PARMIGIANO E GLASSA ALL'ACETO BALSAMICO.....PER INCANTO O PER DELIZIA.......#SEGUILESTAGIONI

Finalmente nell'aria c'è voglia di festa, c'è entusiasmo, c'è elettricità, c'è curiosità, c'è magia!.
In tutto questo tourbillon di colori, luci ed emozioni, anche in cucina va in scena non soltanto la tradizione, ma anche l'eleganza di una tavola moderna, con prelibatezze degne di uno chef stellato.
La dolcezza di una zucca, per esempio, la ritroviamo in un classico risotto, ma solleticato da una salsa al parmigiano e dalla glassa all'aceto balsamico, diventa strepitoso rivelando al palato un gusto tutto nuovo.
E come per incanto o per delizia, ci abbandoniamo ai piaceri della gola con questo RISOTTO ALLA ZUCCA CON CREMA AL PARMIGIANO E GLASSA ALL'ACETO BALSAMICO.
Naturalmente, troverete altre fichissime idee per tutto il mese di dicembre sulla nostra pagina FB SEGUI LE STAGIONI.
Ed ora, senza indugio, ecco la ricetta, bon appetit!.

Ingredienti X4 persone:

300gr di riso Carnaroli
300gr di zucca mantovana
1 cipolla bianca media
50gr di burro
1l di brodo di pollo
100gr di parmigiano grattato
100ml di aceto balsamico di Modena
2 cucchiaini di zucchero di canna
1 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaino di maizena
latte q.b.

Sbucciate la zucca e tagliatela a cubetti, in una pentola mettete metà burro e metà olio, fatevi soffriggere lentamente la cipolla bianca tagliata a pezzetti piccoli.
Aggiustate di sale e pepe macinato fresco.
Aggiungete la zucca, fate cuocere per 10 min mescolando spesso, sfumate con un bicchiere di vino bianco.
Adesso tostate il riso ed allungate con il brodo caldo.
Preparate la glassa, in una pentola mettete l'aceto e lo zucchero, mescolate fino al punto di ebollizione mescolando bene, fate ritirare l'aceto fino a che non ha la consistenza di uno sciroppo denso, fate raffreddare e ricordatevi che potrete anche conservare la salsa in una bottiglia di vetro con il tappo.
Appena il risotto è pronto, mantecatelo con il burro e fatelo riposare qualche minuto.
Nel frattempo preparate la crema al parmigiano, mettetelo a sciogliere in una pentola antiaderente, setacciate 1 cucchiaino di maizena ed aggiungeteci mezzo bicchiere di latte, mescolate bene fino ad avere una crema liscia e densa.
Impiattate il risotto, versateci sopra la crema di parmigiano e completate con la glassa all'aceto balsamico.
SORPRENDENTE
 EFFETTO WOW!
 GUSTO E CLASSE
VI ASPETTO
ALLA PROSSIMA RICETTA 


.


lunedì 4 dicembre 2017

IL PANE DOLCE ALLE MELE......CONFORTO E TRADIZIONE......PER #SEGUILESTAGIONI

Dicembre avanza, l'aria gaudente è onnipresente, le idee per trascorrere le feste si fanno sempre più numerose ma solo con SEGUI LE STAGIONI, renderete unico e speciale il vostro Natale.
Come sempre, ogni mese, vi lasciamo la lista della spesa con tutto il necessario per rendere creativa la vostra cucina, la vostra casa e la vostra vita.
Tra tutti gli ingredienti ho scelto la mela, anche se si trova tutto l'anno sulle nostre tavole, è un frutto molto interessante, ricco di simbolismo e storia che mi ha ispirata per un PANE molto speciale.
Stavolta affondiamo le mani fino alle radici dell'ebraismo e della sua sorprendente cucina, preparando un pane soffice, morbido, ripieno di mele che vi stupirà.
La ricetta non è mia, ma presa in prestito da Eleonora del blog Burro e Miele, un'amica blogger, che ha scritto un post bellissimo su questo pane sacro, sul suo importante significato religioso e sulla carica spirituale che si mette nel prepararlo.
Naturalmente la mia versione è priva di quel misticismo religioso, ma difronte a certi cibi così preziosi ed importanti, bisogna avvicinarsi con assoluto rispetto e considerazione e questo è il caso.
Ho seguito pedissequamente la ricetta proposta da Eleonora e ci ho messo di mio, amore reverenziale e curiosità.
Questo pane è riempito con le mele, ma si possono usare anche l'uva passa ed altri ingredienti a vostro piacimento.
Ecco a voi il PANE DOLCE ALLE MELE.

Ingredienti:

500gr di farina tipo 0
2 uova
100gr di zucchero
20gr di lievito di birra
1225ml di acqua
125ml di olio
sale q.b.
3 mele
semi di sesamo

Setacciate la farina e sciogliete il lievito in acqua tiepida con un cucchiaino di zucchero.
Unite la farina con il sale, lo zucchero ed il lievito ed iniziate ad impastare.
Versate l'olio, l'acqua e da ultimo le uova una alla volta, impastate bene fino a che l'impasto non si stacca dalla ciotola perfettamente.
Lasciate lievitare per 2 ore e dopo di che tagliate l'impasto in 3 parti uguali.
Stendete la pasta in 3 strisce lunghe.
Sbucciate le mele e tagliatele a pezzetti, conditele con succo di limone e zucchero e procedete a riempire le strisce di pasta.
Chiudetele e formate 3 salsicciotto ripieni e fate una treccia.
Mettete la treccia in una teglia ben oleata e lasciate riposare altre 2 ore.
Sbattete il tuorlo d'uovo e spennellate bene la treccia, completate con i semi di sesamo ed infornate per 15 min a 200°.
Sfornate e servite.
DELIZIOSO
PANE DELLA TRADIZIONE
Dedico questo pane alla memoria di Michael Meyers.






mercoledì 29 novembre 2017

IL CHRISTMAS TRIFLE DI GORDON RAMSEY....ASSOLUTAMENTE SPUMEGGIANTE.....PER #SEGUILESTAGIONI

E' quasi Natale!
Michael Buble è stato liberato e a breve imperverserà nelle playlist radio di tutta Italia (e forse non solo quelle), il freddo porta già quel sentore di cannella e le lucine delle decorazioni abbagliano gli occhi. Anche la tavola si veste di dolcezza (o incapacità digestiva, e dipende dalla regione in cui vai a cena) e quindi niente meglio di una vecchia passione dolce per questo post: il CHRISTMAS TRIFLE di Monsieur Gordon Ramsey.
Aria da cattivo ragazzo, mani d'oro ed una carriera di fama mondiale nata per sbaglio, o forse per danno. Chef Gordon, nato calciatore, approda alla cucina a seguito di un incidente che gli ha danneggiato il ginocchio, togliendolo dalla gloria del verde prato, per metterlo sotto i riflettori di una scintillante cappa, contornato da fiammeggianti fornelli e pentole fumanti. Dopo questa immagine che riporta un po' al cuoco della Bella e la Bestia (non so se ricordate il personaggio a forma di cucina a gas), mi vedo in dovere di parlare di questa delizia.
E' un dessert facilissimo da fare, anche perchè la ricetta autentica voleva il Trifle servito al piatto, stratificando un'ingrediente sopra l'altro, ma alla fine sembrava d'aver buttato tutto a caso in una ciotola e questo non è proprio degli Inglesi.
Per rendere accattivante e sofisticato questo dessert, si è reso necessario servirlo in coppe individuali, magari in dei bicchieri importanti o nei moderni barattoli di vetro, il Trifle e la sua magia inglese, vanno dunque incanalati in un bicchiere e gustati a piccole dosi.


Ci sono molte versioni: con la frutta, quelli alcolici, con la marmellata e con la gelatina (torno tra due minuti, mi controllo il diabete). Tutte, comunque hanno una base di pan di spagna seguita dalla crema, per finire con la panna.


Gordon lo ha rivisto e proposto in molte varianti, ma questa, scenografica e dal tema festaiolo, è stata la mia scelta ispirata dall'atmosfera che a breve imperverserà in ogni angolo delle città e delle case, anche le più ciniche: una crema al mascarpone, cubetti di panettone, scaglie di cioccolato e tanto zucchero a velo. Il tutto servito in uno scintillante bicchiere da Martini che è sempre quel tocco di stile in più, specialmente sotto Natale.

 AVVISO IMPORTANTE:

Questo dessert è LETTERALMENTE una BOMBA calorica, che forse, vi ucciderà quindi andateci piano, ma in tutta onestà, cari amici, potevamo aspettarci qualcosa di diverso dal diavolo di Hell's Kitchen?

Trovate altre golose idee sulla nostra pagina facebook SEGUI LE STAGIONI

INGREDIENTI X 4 BICCHIERI:

250gr Mascarpone
6 cucchiai di zucchero a velo
mezzo bicchiere di liquore cremoso tipo Baileys
2 cucchiaini di cannella
scorza d'arancia q.b.
2 fette di panettone con i canditi
una spruzzata di Brandy
100ml di panna liquida da montare
cioccolato fondente q.b
zucchero a velo per decorare

In una ciotola mettete il mascarpone, con lo zucchero a velo, il liquore cremoso tipo Baileys, la scorza d'arancia grattugiata e la cannella. Amalgamate bene il tutto.
Montate la panna ed unitela al mascarpone.
Tagliate il panettone a cubetti, metteteli in una ciotola ed irrorateli con del Brandy, mescolate e passate alla composizione del bicchiere.
Una porzione di crema sul fondo del bicchiere, uno strato di panettone, un altro di crema e poi ancora panettone.
Con un cucchiaio immerso in una bacinella con acqua caldissima, fate delle quenelle di crema al mascarpone e mettetele sopra al panettone.
Grattate abbondante cioccolato fondente e spolverate con zucchero a velo.
Et voilà, di classe e pronto a essere gustato.

SPUMEGGIANTE
STILOSO
CI VEDIAMO
ALLA PROSSIMA SPUMEGGIANTE RICETTA!

lunedì 6 novembre 2017

BUCATINI ZUCCA E CIPOLLA CON PINOLI E MAGGIORANA......RAFFINATI CONTRASTI.....PER #SEGUILESTAGIONI!!!

Siamo giunti alla spesa di novembre e come sempre piena di idee e suggerimenti da SEGUI LE STAGIONI.
Questo mese abbiamo voluto essere monotematiche e celebrare un'ingrediente pazzesco e versatile come LA ZUCCA, il tutto ovviamente, in un tripudio di colori, di sapori, di delizie dolci e salate, che renderanno diverso il vostro novembre, ve lo assicuro!.
Naturalmente di tipi di zucche ce ne sono tantissime, da quelle ornamentali a quelle Mantovane, da quelle siciliane a quelle della Provenza, alle ZUCCHE VUOTE....ehm scusate quelle sono da scartare!.
Comunque scherzi a parte, la zucca è veramente un'alimento tra i più trasversali in cucina, dona colore ai piatti e sopratutto, si impiega benissimo nelle preparazioni dolci, quanto in quelle salate, si può volere di più dalla natura?.
Ammetto che in questo periodo, ne faccio tanto uso della zucca, vuoi anche perchè è un'ortaggio che ha molta resa, quindi quando compro la zucca per poi svuotarla e decorarla per Halloween, finisco sempre per riempire il congelatore e quindi ne ho una bella scorta da smaltire.
Allora non lo vuoi fare un risotto alla zucca?, due ravioli alla zucca?, un pò di pasta e zucca? una crostata di zucca?, zucca con le olive?....insomma chi più ne ha più ne metta.
Io per il mio contributo, questo mese ho scelto di uscire un pochino dalla tradizione del risotto alla zucca o dei ravioli ed ho pensato sempre, ad un primo piatto che regala charme e convivialità, per esempio un BUCATINO ZUCCA E CIPOLLA CON PINOLI E MAGGIORANA, una squisitezza veloce e facile che vi permetterà di portare in tavola gusto e stile, grazie a qualche piccolo trucchetto di presentazione.
Come sempre vi lascio prima la lista di novembre che è piena di cose buone:
Come al solito non frenate la vostra curiosità ed andate a sbirciare le numerose idee golose di questo mese sulla nostra STUPENDA PAGINA FACEBOOK DI SEGUI LE STAGIONI..
Ed ora al via con la ricetta!.

Ingredienti X4 persone:

400gr di bucatini
300gr di zucca
2 cipolle rosse di tropea
2 cucchiaini di zucchero
2 cucchiai di aceto di vino bianco o mele
30gr di pinoli
olio q.b.
sale e pepe q.b.
maggiorana tritata q.b.

Ricavate la polpa dalla zucca e tagliatela a cubetti piccoli, fatela rosolare in una padella con olio, sale e pepe per almeno 10 minuti.
Tagliate le cipolle a fettine e fatele rosolare a fuoco dolce, con abbondante olio, in una padella ampia che poi vi servirà anche per saltare la pasta.
Aggiungete lo zucchero e fate caramellare, sfumate con l'aceto, mi raccomando non usate l'aceto di vino rosso perchè è troppo forte e rischiate di coprire il gusto delicato della zucca e rovinereste il piatto, se non avete l'aceto di vino bianco o di mele desistite, cambiate ricetta.
Aggiustate di sale e cuocete la pasta.
Unite la zucca alla cipolla e fate cuocere aggiungendo i pinoli per qualche minuto ancora.
Scolate i bucatini e saltateli nel sugo, profumate con la maggiorana tritata e servite.
Qualche piccolo accorgimento di presentazione, piatti bianchi puliti e semplici, senza troppi decori, c'è già tanto colore non esageriamo.
Aiutatevi con un coppa pasta per arrotolare i bucatini e se volete usate un piatto pari e non la classica ciotola.
L'idea in più, se avete dell'uva passa o detta anche uva sultanina, fatela rinvenire in un pò di acqua tiepida ed aggiungetela insieme ai pinoli, renderà il piatto più esotico.

E CHE ZUCCA SIA!
 RAFFINATI CONTRASTI

ALLA PROSSIMA RICETTA!