lunedì 3 ottobre 2016

AMERICAN LOBSTER ROLL.....THE LUXURY FOOD.....UN LIBRO UN FILM UNA RICETTA!!!

E' PIU' DIFFICILE FINGERE DI PROVARE SENTIMENTI CHE NON SI HANNO, CHE FINGERE DI NON PROVARE SENTIMENTI CHE SI HANNO
Un futuro distopico, un'hotel che rappresenta il crocevia dell'umanità che è rimasta sola e le vane speranze degli uomini, di sopravvivere all'amore.
David (Colin Farrell) è obbligato a trovarsi una compagna, essere single è una vergogna e le regole imposte dalla società moderna sono ferree, o ci si innamora entro 45 giorni o ci si trasforma in un'animale.
Amare a comando non è certo facile e sopratutto, instaurare un rapporto con l'altro sesso che possa essere soddisfacente, è ancora più difficile, si è obbligati a conformarsi, a scendere a compromessi, a simulare, ad abbozzare un sorriso mentre la società, ti sorveglia e ti manipola.
Ma se tutto intorno a te, ti sembra folle ed opprimente, se pensi che l'amore debba essere spontaneo, che fai? Fuggi, scappi e ti unisci a quei ribelli che vivono nei boschi e che professano la castità e l'individualismo nonostante siano una collettività.
David, sfugge così all'accoppiamento forzato per vivere solo e libero, per incontrare proprio tra i ribelli il vero amore.
Amarsi ai tempi di "the Lobster" è più difficile che ai tempi del colera, tanto per fare una citazione cinematografica celebre, perchè la società è completamente impazzita e non c'è amore che possa rinsavirla, anche se è l'amore l'unica via per la sopravvivenza.
Bellissimo, disturbato, grottesco, impeccabile.
Colin Farrell e Rachel Weisz sono strepitosi, in una continua dicotomia tra ragione e sentimento, tra giusto e sbagliato.
La fotografia, pulita, diafana e dannatamente reale, rende palpabile quel senso di distacco che permea tutta la storia, esaltando la sua originalità illogica che rende il film, un piccolo capolavoro.
Per quanto riguarda la ricetta di oggi, ho voluto scegliere l'ingrediente che da il titolo alla pellicola, the lobster (l'aragosta) e di servirla nel modo meno convenzionale possibile e cioè in un panino.
Prendendo spunto dalla tradizione americana, ecco per voi un SUPER PANINO, il simbolo della cucina del NEW ENGLAND, una costosa ma eccellente bontà, L'AMERICAN LOBSTER ROLL.
Gli ingredienti sono lussuosi, l'aragosta è un cibo pregiato e certamente non economico, ma credetemi che questo panino è uno dei piaceri della vita da non perdere!.
Ricordo a tutti di passare da BEATRICE, che con il suo Harry Potter e la maledizione dell'erede, ci conduce in un mondo di magie e misteri che in cucina, si trasformano, in una crema di zucca buonissima.
Ed ora diamoci al LUXURY FOOD!

Ingredienti X2.

2 Aragoste
50gr di maionese
1 gambo di sedano
1 cucchiaio di succo di limone
4 capperi
erba cipollina q.b.
prezzemolo q.b.
2 panini morbidi al latte
20gr di burro fuso

Comprate le aragoste, io le copro già morte perchè non ce la faccio ad ucciderle, per questo le compro solo in pescheria dove sono certa della freschezza del prodotto e della provenienza.
Lessatele in acqua salata per circa 5 minuti.
Lasciatele raffreddare.
Estraete la polpa dall'aragosta e dalle chele, mettetela in una ciotola e conditela con i capperi tritati, il succo di limone, il sedano ed il prezzemolo tritati finemente, amalgamate il tutto con la maionese.
Prendete il pane, tagliatelo nel mezzo come a formare una tasca, tagliate anche i bordi laterali e spennellatelo dentro e fuori con il burro fuso.
Arrostite il pane per qualche minuto e poi riempitelo con l'aragosta condita.
Completate con l'erba cipollina e servite.
 GODURIA PAZZESCA
 LUXURY FOOD
BUONA VISIONE 
ALLA PROSSIMA RICETTA









3 commenti:

  1. Ricetta pazzesca, in particolare per me che amo l'aragosta e tutti i suoi fratelli crostacei.
    Il film l'ho visto un annetto fa, alla sua uscita. Confesso che amo i film cerebrali, con pochi dialoghi ma pregnanti, e proprio come dici tu questo è un film essenziale, che ti apre dentro con una lama affilata costringendoti a domande fastidiose, dolorose. Profondamente disturbante come anche tu lop hai definito. Ciò non vuol dire che non mi sia piaciuto, anzi. Colin Farrel è praticamente irriconoscibile, sembra il suo doppiatore. Se posso permettermi citare un film che mi ha lasciata con lo stesso doloroso fastidio e tristezza e me lo ha ricordato per molti versi, dico Non Lasciarmi.
    Adoro le tue rece. Un bel bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro grazie perchè hai sempre delle bellissime parole per me e sopratutto perchè adori le mie recensioni!.
      Lo sai già che ti lovvo in modo assurdo.
      E non sai quanto vorrei parlare con te di cinema e di film come abbiamo fatto tanto tempo fa....
      Ricambio il bacio.

      Elimina